Passegiare nella storia medievale

Passeggiare nella storia di Vicopisano: itinerario tra le mura, case torri e palazzi storici.

La visita al centro storico di Vicopisano è un po’ come un salto indietro nel tempo, nel Medioevo più vero e autentico. Potete avventurarvi tra le mura, i palazzi e le torri del Borgo, scoprire il significato dei loro nomi e le loro diverse funzioni, attraverso le loro storie fatte anche di guerre e invasioni.

Vi proponiamo un itinerario a piedi in 15 tappe: potete seguirlo anche da soli, ma si consiglia l’accompagnamento di una guida locale per poter apprezzare al meglio ogni dettaglio e ogni segreto dei monumenti e dei tanti punti di interesse del percorso.

 

Dalla Pieve di Santa Maria, lungo la cinta muraria difensiva: La Torre delle Quattro Porte e le Torri Gemelle

Iniziamo il nostro percorso dalla Pieve di S. Maria (1), la chiesa principale del paese attestata dal X secolo e ubicata fin dalle origini fuori dal castello: sorge in un’area a suo tempo denominata “Campo di Santa Maria” dove numerosi erano i beni di proprietà dell’Arcivescovado di Pisa e dove si teneva il mercato.

Da qui proseguiamo per la parte inferiore dell’abitato, lungo la cinta muraria difensiva e lungo il Rio Grande, che scorre all’esterno della parte settentrionale del paese, e dove ancora oggi è possibile scorgere i resti della fortificazione. La sezione più antica delle mura è costruita in pietra, successivamente sopraelevata e merlata in laterizio: ben visibili e riconoscibili sono i torrioni cilindrici (2), oggi case private.

Al termine di questo tratto potete ammirare la prima delle tante torri del borgo: la Torre Reale o delle Quattro Porte (3), costruita come ingresso al castello per i viaggiatori provenienti da Lucca. Passando sotto i grandi archi della torre e procedendo verso il Palazzo Comunale (4), si incontrano antiche abitazioni in pietra verrucana. Al termine della strada si nota la massiccia struttura di una torre in pietra, inglobata nel corpo del Palazzo Comunale e, girando intorno all’edificio si scoprono le due imponenti Torri Gemelle (5), edificate tra il XII e il XIV secolo in pietra e laterizio: costituivano, insieme alla prima torre, la robusta struttura della rocca trecentesca di Vico. In corrispondenza delle Torri Gemelle si aprivano due porte di accesso al borgo.

Dal Palazzo Comunale a Palazzo Pretorio, passando per la Rocca del Brunelleschi

Dal Palazzo Comunale si può salire verso l’antico poggio, incontrando altre importanti case-torri, tra le quali spicca quella detta “de Serretti” (6). Salendo ancora, si comincia a costeggiare il poderoso muraglione che delimita l’area occupata nel Medio Evo dal Convento dei Francescani, documentato fin dal 1279, e dalla principale torre di avvistamento e di difesa del castello, la torre di Santa Maria, poi trasformata nel Rinascimento, nella Rocca del Brunelleschi (7).

E’ alla fine del muro che sorge il complesso del Palazzo Pretorio (8), uno degli edifici più rappresentativi dell’edilizia civile medioevale presenti in provincia di Pisa e che comprende anche le Carceri vicariali (9). Oggi le sale di Palazzo Pretorio, ospitano una mostra permanente dei reperti più rilevanti provenienti dallo scavo archeologico del Monastero di San Michele alla Verruca (riduzione della più ampia ‘L’Aratro e il Calamo: Benedettini e Cistercensi sul Monte Pisano‘) e l’Archivio Storico.

Da quassù, la parte più elevata del borgo, si può avere una visione d’insieme di Vicopisano e dei suoi dintorni, con il profilo dei Monti Pisani sulla destra e del Monte Castellare con la sua chiesina in cima.

Particolarmente suggestiva è la Scalinata del Brunelleschi (10) che dal piazzale antistante il palazzo scende fino alla Torre del Soccorso offrendo uno splendido spaccato del Camminamento di soccorso (11).

Via Lante: la Torre dell’Orologio e la Torre Malanima

Da qui è possibile ridiscendere fino a via Lante: detta nel Medioevo Borgo Maggiore o Borgo Grande. Lungo la strada erano collocati importanti e lussuosi edifici abitativi turriformi costruiti in verrucano o in laterizio e spesso decorati sugli architravi, sulle mensole in pietra o in corrispondenza degli archi dei portali con motivi a rilievo.

Borgo Maggiore prendeva inizio dalla Porta Costantina, che si affacciava sulla attuale piazza Cavalca, e seguendo la base del colle, proseguiva sino alla zona di Porta ad Arno, dove dovevano essere concentrate le attività legate al porto fluviale. Per la sua posizione intermedia fra la zona del Mercato (che si apriva dinnanzi alla Porta Costantina) e la zona del porto fluviale, fu una direttrice di sviluppo urbanistico assai precoce, facilitata anche dall’essere in piano. Le case ed i palazzi in una prima fase dovettero essere esterni alla cinta muraria, (ne fa fede il toponimo Borgo), successivamente in un periodo imprecisato ma probabilmente nel XIII sec., anche questa zona fu inclusa all’interno delle mura, venendo a far parte del castello di Vico. Il punto mediano della strada è rappresentato dalla Torre dell’Orologio (12) una delle strutture in pietra più antiche caratterizzata da uno stretto portalino d’ingresso e originariamente munita di ballatoi in legno.  Poco più in là ecco anche la Torre Malanima (13), alta 16 metri con muratura in verrucano e laterizio, prende il suo nome da una famiglia pisana che aveva possedimenti a Vicopisano. Gran parte delle antiche case-torri furono in epoca moderna accorpate e trasformate in eleganti palazzi che hanno tuttavia lasciato a vista le parti più significative delle originarie murature. Particolarmente interessante la via della Fonte, che immette in un’area occupata da una casa a schiera risalente al secolo XII, costruita in muratura mista in mattoni e pietra.

La passeggiata nella storia medievale di Vicopisano si conclude uscendo dal borgo murato e imboccando Via Trombi (14): qui è possibile incontrare anche i resti dell’antica chiesa di San Leonardo, oggi trasformata in abitazione. Proseguendo si giunge infine in Piazza Cavalca (15), l’antica piazza del mercato e oggi centro della vita quotidiana dei vicarese.

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
1

Pieve di Santa Maria (non visibile in mappa)

2

Torrioni cilindrici (non visibili in mappa)

3

Torre Reale o delle Quattro Porte

4

Palazzo Comunale

5

Torri Gemelle

6

Torre “Serettori”

7

Rocca del Brunelleschi

8

Complesso del Palazzo Pretorio

9

Carceri vicariali

10

Scalinata del Brunelleschi

11

Camminamento di soccorso

12

Torre dell’Orologio

13

Torre Malanima

14

Via Trombi

15

Piazza Cavalca

Puoi lasciare un Commento col tuo account Facebook...

commenti